Belvedere, Falzarano: l’atto d’accusa del sindacato contro l’amministrazione comunale

“È inconcepibile questo silenzio che grava sulla vicenda dei Lavoratori dipendenti della Società Falzarano, che non riscuotono le proprie retribuzioni ormai da 5 mesi. Nonostante tutto, i Lavoratori, tra mille difficoltà, stanno continuando a garantire il servizio di igiene ambientale, al quale sono preposti. Ma fino a quando potrà essere garantito il servizio? Fino ad ora, non sono serviti gli incontri, le diffide, le richieste di blocco cautelare dei pagamenti a favore dell’Azienda Falzarano, a garanzia dei crediti dei Lavoratori: tutto inutile, tutto tace. E risulta ancora più grave il silenzio dell’Amministrazione Comunale, che pure dovrebbe garantire i Lavoratori nei confronti di un’Azienda sempre più assente, sempre più distante. L’Amministrazione Comunale, è bene ricordarlo, è l’Ente che ha appaltato il servizio di Igiene Ambientale alla Ditta Falzarano: in quanto tale, l’Amministrazione Comunale ha il diritto, e prima ancora l’obbligo, di accertare il corretto assolvimento dei doveri aziendali sia nei confronti degli Enti di Previdenza, sia per quanto riguarda il pagamento delle retribuzioni ai Dipendenti addetti al servizio. Inspiegabilmente, però, ciò non avviene: l’Amministrazione Comunale, più volte da noi sollecitata, non ha ancora provveduto in alcun modo a richiamare l’Azienda ai propri doveri, non ha provveduto ad elevare la dovuta contestazione, non ha diffidato l’Azienda, anche richiamando la eventualità della revoca dell’appalto. Siamo ancora in attesa di un urgente incontro, da noi richiesto sia alla Prefettura di Cosenza, sia all’Ispettorato Provinciale del Lavoro, ferma restando la proclamazione dello stato di agitazione; al Sindacato dei Lavoratori ormai non resta altro che indire una giornata di sciopero, pur nella consapevolezza che ciò creerà disagio alla popolazione residente; sia ben chiaro che la FP CGIL, a malincuore, si vedrà costretta a proclamare lo sciopero, ma è l’unica strada percorribile per indurre sia l’Azienda, sia il Comune di Belvedere, a garantire una volta per tutte le retribuzioni dei Lavoratori addetti al servizio di raccolta e spazzamento dei rifiuti urbani. Se l’Amministrazione Comunale avvertisse anche la sensibilità politica di convocare urgentemente la FP CGIL e l’Azienda che in nome e per conto dell’Amministrazione gestisce il servizio di Igiene Ambientale,  farebbe ancora in tempo ad evitare un disagio che, altrimenti, ricadrà inevitabilmente su tutta la Collettività: quella sarebbe l’occasione, anche, per chiedere alla Falzarano, una volta per tutte, di regolarizzare le retribuzioni, poiché non è corretto far pagare ai Lavoratori il prezzo di problemi che ai Lavoratori non appartengono”.

Vincenzo Casciaro – Segretario Generale FP CGIL Comprensoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: