Valle Lao. Oliverio assicura: “Lunedì nuovo commissario”. Intanto continua lo sciopero a oltranza.

Scalea – Sciopero ad oltranza. È la decisione assunta ormai da qualche giorno per i dipendenti del Consorzio di Bonifica di Scalea che hanno visto accumularsi retribuzioni non corrisposte per ben otto mensilità. “Le maestranze – ha spiegato Silvano lanciano della Cgil – sono tornate ad incrociare le braccia già da mercoledì scorso, stanche delle vane promesse della Regione Calabria che, con i suoi “tempi messicani” per la risoluzione di qualsivoglia problematica, che attiene al lavoro ed all’occupazione e sostenere le già fragili economie locali, risulta sempre meno credibile e ancor meno attendibile quando assume gli impegni”. Il Consorzio di Scalea è l’unico, degli 11 consorzi della Calabria, ad essere stato a giusta ragione commissariato dalla Giunta Oliverio, “per cui – ha proseguito – è del tutto evidente la responsabilità dell’Amministrazione Pubblica regionale in rapporto alle deludenti performance di ben 2 commissari che si sono avvicendati in oltre un anno alla guida del martoriato Ente Consortile che dà lavoro a 59 famiglie, fra operai acquaioli e impiegati amministrativi e tecnici, oltre a circa 300 famiglie di lavoratori idraulico forestali”.

Dito puntato contro il commissario Domenico Macrì, che non ha inteso mettere in campo quelle buone pratiche amministrative atte a garantire salari e stipendi alla totalità dei lavoratori dipendenti del Consorzio. A nulla sono serviti i moniti del Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari nella persona del Dirigente Generale e anche del Consigliere Delegato On. Mauro D’Acri affinché il commissario procedesse al pagamento di alcune mensilità ai lavoratori.

Per lunedì il commissario ha convocato i sindacati presso la Sede del Consorzio, ma l’assemblea dei lavoratori per il tramite della Flai-Cgil già ieri gli ha comunicato – a lui ed agli altri sindacati – che non intende partecipare ad alcuna riunione o incontro con il Commissario Straordinario, Dott. Domenico Macrì, e fino a quando questi non avrà provveduto a corrispondere salari e stipendi a tutto il personale dipendente.

Pertanto, lunedì continua l’assemblea permanente di tutte le maestranze operaie ed impiegati e fino a quando non verranno corrisposte le retribuzioni a tutti i dipendenti dell’Ente Consortile.

Dal canto suo il Presidente Mario Oliverio per il tramite del suo Consigliere Delegato all’agricoltura, On. Mauro D’Acri, ha fatto sapere all’assemblea dei lavoratori del Consorzio che nella prossima Giunta che si terrà nella giornata di lunedì provvederà alla nomina di un nuovo Commissario Straordinario affinché dia esecuzione all’immediato pagamento delle mensilità arretrate e avvii le procedure per l’elezione degli organi elettivi di autogoverno per come espressamente previsto dalla legge. L’Assemblea dei lavoratori ha deciso di continuare la lotta ad oltranza e fino alla risoluzione della vertenza salariale ed occupazionale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: