Belvedere, giovane accusato di furto aggravato. Il giudice lo assolve

Belvedere – Era accusato di furto aggravato, per essersi introdotto nel gennaio del 2012 in un bar di Belvedere Marittimo da dove sarebbero stati sottratti beni per un valore di circa 6000 euro. Si tratta di Ciro Impieri, un giovane di Belvedere Marittimo che era stato individuato dalle forze dell’Ordine in seguito alla visione dei filmati delle telecamere poste all’interno del locale trafugato. Il difensore di fiducia, l’avvocato penalista, Italo Guagliano, nel corso della lunga istruttoria dibattimentale e con la sua arringa difensiva, ha totalmente demolito l’ipotesi accusatoria, dimostrando non solo che dai filmati esaminati non era affatto riconoscibile il volto di Impieri ma ribadendo più volte che nel corso delle perquisizioni seguite immediatamente dopo la denuncia di furto non era stata rinvenuta alcuna refurtiva nella disponibilità di Impieri, né tanto meno vi era stato alcun riconoscimento da parte della persona offesa, del soggetto entrato furtivamente nel suo locale.

Pertanto mancando la prova della responsabilità dell’Impieri, al di là di ogni ragionevole dubbio, il Tribunale di Paola nella persona del Giudice monocratico D’Arco, accogliendo la tesi difensiva dell’avvocato Guagliano ha assolto Ciro Impieri per non aver commesso il fatto, nonostante l’Ufficio di Procura avesse chiesto la condanna ad 1 anno e 3 mesi di reclusione.

(fonte Mio Comune – http://www.miocomune.it)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: