Sgombero aree demaniali. La spunta il Comune di Santa Maria del cedro. Accolto dal Consiglio di stato il ricorso

Santa Maria – Sulle aree demaniali ancora una vittoria dell’amministrazione comunale. Il Consiglio di Stato con sentenza n. 605/ 2018 ha accolto l’appello proposto dall’Ente, rappresentato e difeso dall’Avvocato Giancarlo Gentile del Foro di Cosenza, avverso la sentenza pronunciata dal TAR Calabria n. 221/2016 . Controparte dell’ente è la Golden Sea del Signor Peppino Russo, rappresentata e difesa dall’Avvocato F. C. con studio in Scalea e Roma. Oggetto del giudizio è il “provvedimento di sgombero dalla struttura emesso dal Sindaco del Comune di Santa Maria del Cedro, Ugo Vetere “che così recita : ” Si invita pertanto a rilasciare con immediatezza tutte le aree appartenenti sia al demanio che al patrimonio disponibile dello Stato occupato senza titolo”. Il Consiglio di Stato nella richiamata sentenza così dice: ” il Comune ha constatato che la Golden Sea non aveva ottemperato oltre a non aver versato l’indennità di occupazione abusiva dell’area”. All’accoglimento dell’appello segue la condanna della Golden Sea al pagamento delle spese di lite per euro 5.000,00 oltre accessori. La decisione odierna è l’ennesimo statuizione favorevole per il Comune di Santa Maria del Cedro in materia di demanio. Non solo con riferimento alla struttura denominata Golden Sea ma anche nei confronti delle strutture limitrofe. L’amministrazione comunale in carica, visti i provvedimenti resi in sede civile, amministrativa e penale, confida nell’immediato intervento della competente Magistratura a che le aree occupate abusivamente vengano consegnate alla comunità e si possa così realizzare il IV tratto del lungomare cittadino. “Gli interessi della comunità – si legge in una nota da parte dell’esecutivo – vengono prima degli interessi abusivi dei singoli privati”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: