Diamante Futura: “L’informazione politicamente anonima sul Porto a difesa del Concessionario”

Riceviamo e pubblichiamo

Abbiamo letto sul Quotidiano di oggi l’articolo sul Porto dal titolo “non è il privato a dover versare le somme”, per cui la polizza fideiussoria sarebbe a carico della Regione. Il giornalista descrive una visiona chiaramente di parte, quella del Concessionario, senza citare chi sia la fonte di tali esternazioni. E’ vero che la Regione Calabria dovrebbe restituire alla Concessionaria le somme da questa pagate per la concessione demaniale, ma è altrettanto vero che sino al collaudo delle opere il pagamento deve essere anticipato dalla società Concessionaria. Non è una visione di parte questa, è quello che emerge dalle richieste del RUP in tutti gli incontri tecnici del 2018.

Alla luce di quanto emerge dai lavori da poco conclusi della Commissione Consiliare, il Concessionario non sembra più possedere i requisiti economico-finanziari per realizzare l’opera portuale. Tutto ciò è confermato dal fatto che sinora nessuna Compagnia Assicurativa, compreso il SIB, ha rilasciato la fideiussione richiesta dalla Concessionaria. Il resto sono chiacchiere. Il concessionario dimostri con le parole di essere finanziariamente in grado di realizzare l’opera e di aver conservato i requisiti soggettivi ed oggettivi previsti dalla vigente legge sugli appalti pubblici e dal contratto stipulato con la Regione Calabria.

Il sibillino passaggio che riguarda un eventuale contenzioso giudiziario che rischierebbe di bloccare l’opera tanto attesa dai diamantesi non fa più paura. In passato per tali paure l’Amministrazione Comunale ha consentito che la Concessionaria rimanesse affidataria dei lavori portuali che, senza contenzioso, sono fermi d circa 10 anni. Ora basta! Diamante è stanca di subire gli effetti di un complotto preordinato anche da settori deviati della Pubblica Amministrazione per garantire interessi privati a danno di interessi collettivi.

Invece, per quanto ci riguarda, la massima apertura ad incontri con gli interessati, da tenere in ambienti bonificati, senza scheletri negli armadi.

Ci piacerebbe poi che movimenti e/o gruppi che muovono l’informazione a difesa del Concessionario, lo facessero come lo facciamo noi, apertamente, in modo che i cittadini di Diamante possano sapere se hanno a che fare col nuovo che avanza o con vecchi volponi.

Infine, nel nostro ruolo istituzionale di rappresentanti del popolo adamantino, restiamo impegnati a trovare la migliore soluzione possibile per il paese e, in tale ottica, perseguiamo obiettivi in linea con la massima orientale che recita “Non mettere mai il nemico con le spalle al muro, lasciagli sempre un’onorevole via d’uscita”.

Gruppo Consiliare “Diamante Futura”

Giuseppe Pascale

Giuseppe Savarese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: