Forciniti (M5S) in visita nell’Alto Tirreno. Sit-In all’Ospedale di Praia.

Praia a Mare – Visita del deputato del Movimento 5 stelle, Francesco Forciniti, nell’alto Tirreno Cosentino. Il portavoce del Movimento ha visitato dapprima Aieta, per poi spostarsi all’ospedale, a seguire Tortora e infine Praia a Mare. Nel suo lungo tour ha incontrato attivisti e simpatizzanti fermandosi a discutere con loro di una serie di problematiche presenti sul territorio. Il giovane deputato ha anche visitato l’ospedale di Praia a Mare. Qui ha incontrato medici, infermieri e personale Oss, soffermandosi su alcune questioni inerenti la chiusura del nosocomio, la sua attività e la collocazione nell’alto Tirreno cosentino, bassa Lucania e Campania. Ha visitato inoltre i reparti, tra cui dialisi, medicina discutendo sulla sull’effettiva disponibilità della sanità pubblica a favore del cittadino. La serata si è conclusa con un incontro a Praia a Mare al Palazzo delle esposizioni, cui hanno preso parte tantissime persone.

“In campagna elettorale – ha detto Forciniti – la neve mi aveva impedito di farlo, e così alla prima occasione utile mi sono fatto perdonare e sono corso a incontrare gli attivisti e i cittadini di Aieta, Tortora e Praia a Mare, che ringrazio per l’attenzione e l’accoglienza riservatami. Ho trovato un borgo incantevole, uno splendido palazzo-museo e un mare stupendo. La Calabria è meravigliosa. Con l’occasione ho visitato anche l’ospedale di Praia, recentemente riaperto sulla carta dai vertici della sanità regionale in seguito all’intervento della magistratura, con tanto di cerimonia solenne e taglio di nastro, ma nei fatti totalmente lontano dal poter essere considerato un vero ospedale. Medicina e chirurgia non esistono, ma in compenso è stato nominato un direttore senza che ci sia ancora nulla da dirigere. Il reparto di radiologia grava esclusivamente sulle spalle di due medici. La macchina per la risonanza magnetica è ferma a causa della mancanza di un addetto. Anche il pronto soccorso è a corto di personale. Il commissario Scura e il presidente Oliverio dovrebbero fare meno passerelle e più fatti”.

An.tr.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: