San Nicola Arcella, approvato il bilancio di previsione

Il clamore mediatico che le forze di opposizione hanno dedicato al documento di programmazione economica dell’ente, ha generato l’aspettativa di un ricco e costruttivo dibattito in sede consiliare, luogo istituzionalmente deputato all’esercizio della democrazia.
Le attese non erano certo quelle di un’analisi esaustiva basata su criteri contabili, economici e politici, ma ci si aspettava almeno una qualche osservazione di senso compiuto, anche solo ispirata dal buon senso.
Invece, si è visto un PUGILE SUONATO che ripete come un mantra l’ultima immagine che è riuscito a fissare: “ma il parere del revisore”. Circostanza che ha evidenziato come il rappresentante di opposizione non ha proprio letto il bilancio. Forse ha letto la relazione del revisore, ma Sicuramente non l’ha capita.
La funzione dell’opposizione è fondamentale per l’esercizio della democrazia, essa ha un ruolo di sindacato ispettivo, di critica costruttiva e, incidentalmente, anche di stimolo per la maggioranza. Perché se così fosse non esiteremmo un attimo ad aprirci rispetto a proposte serie e costruttive che vadano in direzione della crescita del paese. Ma ciò che fanno è soltanto un seminare di BUGIE e di DISTORSIONI di VERITÀ tendenti unicamente ad alimentare odi e rancori, sentimenti estranei alla comunità Sannicolese. Ruolo della minoranza che il rappresentante dell’opposizione deve aver travisato e reinterpretato a proprio modo, spesso confondendo le sedi istituzionali con i social.
Parafrasando quella che è stata un’espressione dell’opposizione, si dovrebbe suggerire ai loro elettori di andare dal proprio candidato e chiedergli SE SI RITIENE All’ALTEZZA DEl Compito CHE GLI È STATO ASSEGNATO.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: