“Vie d’uscita”, il libro di Giuseppe Aieta tra etica e sociale

San Nicola Arcella – E’ stato presentato ieri il libro “Vie d’Uscita” del Consigliere regionale Giuseppe Aieta.L’incontro introdotto dai saluti del sindaco di San Nicola Arcella, Barbara Mele, ha consentito di ripercorrere, attraverso il racconto dell’autore, i momenti salienti di una carriera politica ricca di grande passione e soddisfazioni.

Il consigliere Aieta ha condiviso con i presenti il ricordo delle tante opere realizzate durante gli anni in cui è stato Sindaco di Cetraro. Un agire amministrativo che, oltre a cambiare il volto della località amministrata dal punto di vista architettonico e del decoro urbano, ha inciso notevolmente sul rapporto con i cittadini.

Il libro descrive i passi compiuti dalla comunità cetrarese verso la riappropriazione, a pieno titolo, di quel senso di appartenenza e di orgoglio che si è tradotto in una partecipazione dei cittadini alle attività poste in essere a partire da quegli anni.

“Il confronto ed il dialogo costante con i cittadini – ha raccontato Giuseppe Aieta – sono stati indispensabili per ricostruire il rapporto di fiducia tra questi ultimi e gli amministratori, abbattendo il muro della diffidenza e lasciando spazio al dialogo costruttivo”.

In quest’opera di ricomposizione del confronto con i cittadini “è stato fondamentale l’incontro con don Ennio Stamile – ha affermato Aieta – che si è posto come anello di congiunzione tra amministratori e comunità”.

Da questa raccolta di pensieri e di riflessioni, dunque, emerge la rilevanza di un dialogo ritrovato tra cittadini ed istituzioni che ha generato fiducia ed entusiasmo. Un dialogo che ha sostenuto l’azione amministrativa e che ha, spesso, offerto spunti per la realizzazione di opere al servizio della comunità.

Il confronto ritrovato è riuscito a far comprendere la bontà di scelte fortemente innovative. Agli abbattimenti di strutture fatiscenti sono corrisposte, infatti, ricostruzioni finalizzate a creare spazi di aggregazione e di condivisione. Da tanto si evidenzia la proficuità di un’azione amministrativa lungimirante, chiara nelle idee e nei progetti e, soprattutto, determinata.

Le vie d’uscita, individuate e percorse, hanno restituito spazio alla bellezza del territorio amministrato.

Il modello amministrativo adottato è risultato vincente; un modello basato sulla formula della strategia e delle visioni, dunque, in cui all’idea è seguita la realizzazione mirata di opere tangibili e fruibili.

Tiziana Forestieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: