Belvedere, Castromurro: sugli incarichi il silenzio assordante del M5s. Ora: Delibera illegittima

Con l’aggiornamento ripristino viabilità strada Castromurro il Movimento 5 stelle non ci ha fatto una bella figura. Anzi nella nota il Meetup “Amici di Beppe Grillo – Belvedere in MoVimento” enfatizza il presunto ruolo avuto nell’avvio dell’iter progettuale ed eventuale realizzazione dell’intervento in contrada Castromurro, che “fa parte – si legge in una nota del gruppo consiliare “Ora” – del loro modo di comunicare per arrivare alla pancia dei cittadini-elettori, ma del loro silenzio assordante sull’ennesima attribuzione di incarichi tecnici con lo strumento, tanto abusato e più volte illegittimo, della “Ordinanza contingibile ed urgente”, e sui nomi dei tecnici incaricati (familiari di amministratori). Chi fino a qualche tempo fa ha sventolato la bandiera della legalità e della trasparenza non può tacere. E quindi, onde evitare (come già accaduto in passato) di essere destinatari di spregevoli giudizi in quanto ci saremmo permessi di offendere dicendo la solo verità, questa volta i nomi non li facciamo neppure noi. Uno scontro frontale da cui con le ossa rotte esce il M5s, reduce già da un diniego di professionisti candidabili alla carica di sindaco. E dopo aver sottolineato tale circostaa il gruppo Ora va pesante: “L’Amministrazione Granata continua ad emanare provvedimenti illegittimi. L’Ordinanza n° 73 del 03/09/2018 con la quale il Sindaco ha affidato l’incarico di progettazione esecuzione e collaudo della strada di Località Castromurro è illegittima.

A stabilire il principio è il Consiglio di Stato: «Il potere del Sindaco di emanare ordinanze contingibili e urgenti ha natura residuale, il suo esercizio presuppone la necessità di provvedere in via d’urgenza con strumenti extra ordinem per far fronte a situazioni di natura eccezionale ed imprevedibile di pericolo attuale ed imminente per l’incolumità pubblica, cui non si può provvedere con gli strumenti ordinari».

E’ pertanto illegittimo adottare ordinanze contingibili e urgenti per fronteggiare situazioni prevedibili e permanenti o quando non vi sia “urgenza” di provvedere, cioè l’assoluta necessità di porre in essere un intervento non rinviabile a tutela della pubblica incolumità (ex multis, Consiglio di Stato, sez. V,14/11/2017, n. 5239).

Nel caso che ci occupa, infatti, la relazione tecnica sulle opere necessarie alla realizzazione dei lavori di ripristino della strada di loc. Castromurro  ed i relativi costi, veniva trasmessa dal tecnico incaricato, anche questa volta con Ordinanza, il 13 marzo 2018 . Pertanto gli Uffici (e non il Sindaco) avrebbero avuto a disposizione tutto il tempo necessario per utilizzare gli ordinari strumenti e svolgere gli adempimenti previsti dalla normativa per il conferimento degli incarichi tecnici.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: