Cascini, Massimilla, Ugolino e il Pd: un accordo che non mette al riparo, anzi. Intanto Ciro Campilongo non va alle riunioni e dialoga con Barbara Ferro

Ma a conti fatti quanti voti porterebbero Ugo Massimilla, Francesca Ugolino e quella parte del Pd che vede di buon occhio l’accordo con Vincenzo Cascini. Se si considera che il Pd ha perso una serie di pedine determinanti in questi anni; se allo stesso tempo si mette sul piatto della bilancia i voti della Ugolino (Francesca) con i voti portati dal vero portatore Riccardo (Ugolino), il piatto tende verso quest’ultimo, ora più che mai intenzionato a dare battaglia al gruppo guidato da Ugo Massimilla. Uno smacco che il fondatore e leader di Belvedere Cambiaverso l’aveva, se non previsto, quanto meno ipotizzato. Insomma Vincenzo Cascini avrà certamente portato via voti al centrosinistra, ma a quale prezzo? Al prezzo di possibili frizioni all’interno della sua coalizione. Chi farà il passo indietro per consentire a Massimilla o alla Ugolino di occupare un posto il lista. Al momento nessuno. Di ciò ne siamo certi.

E rimaniamo sul fronte dello scacchiere targato Cascini. La coperta sembra sempre più corta. Caricato uno (e più di uno) in squadra pare che un altro abbia lasciato la compagine. Si tratterebbe di Ciro Campilongo che con Barbara Ferro ha avuto da sempre un forte feeling politico. Da quando la candidò con lui in lista raccogliendo un cospicuo numero di voti. Insomma un amore politico che nemmeno Enrico Granata è riuscito a mettere la parola fine. Campilongo da un paio di riunioni è dato per “desaparecidos”: insomma non si vede da un po’ e ciò non lascia presagire nulla di buono. Che sia di nuovo sbocciato il feeling tra la Ferro e Campilongo? Troppo presto per dirlo ma a Campilongo non deve esser andato giù il rifiuto degli altri della coalizione di vederlo candidare come sindaco di Belvedere. E lui che fa? Si guarda in giro, eccome. Proprio domani si dovrebbe tenere l’ennesima riunione di Cascini e company. Chissà se ne prenderà parte. Riunioni cui non sta partecipando nemmeno Vincenzo Spinelli. Presagio di rottura? Vedremo.

Antonello Troya

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: