Belvedere, “Lettera aperta all’amico Riccardo”. La risposta di Cascini alle affermazioni di Ugolino

Caro Riccardo

ho letto il tuo modo di interpretare le mie parole in una maniera del tutto personale, indirizzato solamente a mettere in risalto la tua persona, senza spiegare bene cosa significhi ciò che ho detto. È chiaro che avendo sostenuto per cinque anni la precedente amministrazione ho avuto modo di notare cose buone e cose meno buone. La continuità nelle cose buone fatte è mio dovere proseguirla: bisogna completarle se non hanno raggiunto l’obiettivo prefissato. Se sono rimaste in sospeso per vari motivi, indipendenti dalla volontà politica. L’obiettivo di impostare diversamente la mia realtà amministrativa è legato al fatto che mi accingo ad essere un politico, anche se amministrativo e tecnico per oltre 40 anni. Ho intenzione di rendere più produttivi e rapidi l’esecuzione di tutti quei provvedimenti che devono essere portati a termine nell’interesse comune del paese.

Che tu voglia speculare più o meno su una frase detta, isolandola da un contesto diverso, posso anche non curarmene e tirare avanti, però visto che rimane il rispetto della tua persona e pretendo altrettanto da parte tua alla mia ritengo che mettere in giro queste parole, che non corrispondono alla verità in assoluto, non sia una cosa utile, né per te né per me.

Non ho velleità di futuri impegni politici sovracomunali, né interessi economici da difendere. Ritengo pertanto che questa mia scesa in campo scaturisca solo dall’interesse verso il mio paese che amo, cui sono legato profondamente e che vorrei veder prendere la via dello sviluppo.

Colgo l’occasione per rivolgerti i miei saluti nell’augurarti un’ottima campagna elettorale.

dr. Vincenzo Cascini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: