Fuscaldo, furto di energia elettrica. Una donna ai domiciliari

I Carabinieri della Compagnia di Paola – Stazione di Paola, al comando del capitano Giordano Tognoni, hanno arrestato una 46enne, titolare di un’attività commerciale ubicata nel centro cittadino di Fuscaldo: l’accusa è di furto aggravato di energia elettrica.

Le attività di controllo, condotte dai militari con l’ausilio di personale accertatore della Società incaricata della gestione del servizio elettricità, hanno consentito di cristallizzare la presenza di un’anomalia sulla linea elettrica di un esercizio commerciale, ubicato nel centro cittadino di Fuscaldo, derivante dalla manomissione del contatore. Il tutto attraverso il materiale innesto di un by-pass sulle cablature di connessione al contatore stesso. Il personale della Società di erogazione, constatando la pericolosità del dispositivo installato, ha quantificato il valore del patrimonio energetico sottratto in euro 5.000 (cinquemila), corrispondente a 25.000 (venticinquemila) kilowatt. La 46enne titolare dell’attività commerciale, terminate le formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Paola, coordinata dal Procuratore Dott. Pierpaolo Bruni, è stata tradotta in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione. A seguito del giudizio per direttissima, la donna è stata condannata alla pena di 6 mesi di reclusione e trecento euro di multa, pena sospesa.

(foto di repertorio)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: