Vincitori e vinti

Non ci sono vincitori e vinti in un confronto pubblico. Non esistono perché sono proprio i candidati che si mettono in gioco. Decisamente consapevoli delle difficoltà che ciò comporta. Un confronto a tre mette in evidenza le difficoltà, ma anche certezze di ogni candidato. Belvedere, come ogni volta, dimostra di essere quella cittadina liberale e moderata, cattolica e sociale, scevra da condizionamenti di questo o quel potentato. Ora non più. Ha risposto numerosa, democraticamente preparata ad accogliere le più semplici ma anche le più complesse strategie politiche che questo o quel candidato hanno inteso proporre. Strategie che poi si traducono nell’ordinaria amministrazione.

In migliaia anche stavolta, come le due altre volte che ho avuto l’onore di organizzare e moderare. Ma si sa: i politici passano, i giornalisti restano. Ho sentito in questi lustri programmi politici inarrivabili. Invenzioni dettate dal colpaccio da fare sui media, che non nella fattività delle cose. I lavori pubblici in primo piano. E guai se così non fosse.

Ora si è più reali: coscienti che il cittadino vuole cose realizzabili ma soprattutto visibili. Anche alla luce di un paese che ha perso la sua identità economica passando da una economia stabile ad una economia frastagliata da licenziamenti, chiusure fabbriche. Ed è la stessa gente che ieri sera urlava. E chiedeva a gran voce: “Perché”. In belvederese è stanco. È stanco di subire. Ha bisogno di certezze e la sera del “Confronto” lo ha dimostrato. Prima di tutto nella sua eleganza nell’ascoltare, nel commentare, anche nel discutere con forza. Ma è il gioco delle parti: loro, i candidati sul palco e gli altri, gli elettori ad ascoltare e farsi una idea. Quale occasione migliore per ascoltare cosa dicono. Cosa pensano, cosa intendono fare. Sono stati tutti e tre competenti nell’affrontare argomenti spinosi. Poi la tensione ha fatto il resto. Ha vinto la democrazia e ha perso la cattiveria. Grazie comunque ai cittadini di belvedere e ai candidati per il bel momento di libero pensiero.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: