Praia a Mare, l’assessore De Lorenzo lascia la giunta. È rottura con il sindaco Praticò

Sullo sfondo il Jova Beach party e la candidatura alle regionali. Antonino De Lorenzo lascia la giunta e si colloca in una posizione di indipendente in seno al Consiglio comunale. È piena rottura con Antonio Praticò. I motivi, secondo quanto spiega De Lorenzo in una nota, sono da ricollegarsi al post Jova Beach party. Ma non è escluso che si possa trattare anche di una decisione legata alla candidatura alle regionali. De Lorenzo, infatti, è una punta di diamante di Fratelli d’Italia del territorio tirrenico. Una sua scesa in campo non è esclusa.

Ma torniamo al Jova Beach party. Una posizione, quella assunta dal sindaco che non è per niente piaciuta a De Lorenzo. Che lo attacca.

“Praia nell’Olimpo delle Live Location Italiane – dice De Lorenzo – Ho investito tempo e lavoro perché era mio dovere e, soprattutto, per mantenere la promessa fatta in un comizio, circa due anni fa, di portare a Praia un evento così importante. Del resto non nasce oggi il mio trasporto per i grandi eventi, così come non nasce oggi la mia convinzione che il movimento e la movida (legale e controllata) portino ricchezza per tutti: oggi ne ho solo avuto conferma, così come ho avuto la conferma che Praia vuole e, soprattutto, merita di diventare un luogo turistico moderno e accogliente a 360 gradi.

Poi l’affondo contro Praticò. “C’è, poi, chi non ha certamente agevolato il percorso burocratico del Jova Beach Party. È la stessa persona che oggi cerca di salire sul carro affermando che tutto è riuscito solo grazie a lui e che questo non è un punto di arrivo. Peccato che, pur affermando queste cose, ha ritenuto di non dover finanziare due importanti progetti oramai storici ed apprezzati: il Prajazz Festival e il Praia Acustic Fest. Né ha preso in considerazione la mia idea di realizzare un programma estivo che partisse da metà agosto per terminare dopo Natale. Ma tranquilli, “ora siamo al punto di partenza”. Questo è un danno per Praia, caro Sindaco, perché puoi anche non ringraziare Antonino De Lorenzo, ma non puoi far finta che personaggi e strutture tanto importanti non esistano. Stai continuando a condurre Praia nella direzione sbagliata. Oggi leggere i ringraziamenti che hai scritto in modo quasi confusionario, che inneggiano ad uno spettacolo che hai osteggiato fino alla fine, davvero mi fa ribrezzo perché avresti dovuto avere la decenza di tacere o, almeno, di scrivere la verità condividendo l’ottimo risultato con tutte le persone che davvero hanno lavorato per la buona riuscita dell’evento e perché sia il primo e non l’ultimo. Caro Sindaco, servendo Praia per sette anni ritengo di aver dato dimostrazione sul campo della mia operatività della quale non dirò nulla perché a differenza tua, a me, le autocelebrazioni non piacciono. A me piace ascoltare la gente: e da ieri la gente si è espressa facendomi i complimenti per quanto realizzato e, soprattutto, perché come sempre, ci ho messo la faccia prendendomi un rischio enorme, atteso che molti avrebbero chiesto la mia testa se qualcosa fosse andato storto. So bene che questa cosa per te è inaccettabile, perché il Comune devi essere tu e solo tu, e se un amministratore, svolgendo diligentemente il ruolo che gli è stato affidato, porta dei risultati concreti, tu tendi ad oscurarne i meriti. Lavorerò sempre per Praia, per la sua crescita e per la sua gente, probabilmente in un ruolo diverso perché, a quanto vedo, l’opera dell’Assessore al Turismo e Spettacolo a questa Amministrazione proprio non serve”.

Antonello Troya

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: