Magorno e il porto di Diamante: misure intransigenti. Azione risarcitoria e diffida

Posizione rigorosa quella del sindaco di Diamante, Ernesto Magorno, in merito al porto di Diamante. Un porto che, ha detto il senatore durante una conferenza stampa (e in diretta social), è andata di traverso alle lobby, “Ma noi faremo di tutto per portarlo al termine”. Il sindaco-senatore ha ribadito il suo impegno per Diamante. Mettendo da parte le ambizioni politiche, ha elencato una serie di lavori che saranno realizzati durante la legislatura.

Una conferenza stampa convocata per portare a conoscenza dell’opinione pubblica che l’amministrazione comunale ha avviato una azione risarcitoria nei confronti dell’azienda che avrebbe dovuto eseguire i lavori e la conseguente diffida ad iniziarli in tempi brevi.  

È dei giorni scorsi l’autorizzazione dell’utilizzo da parte dei pescatori dello specchio d’acqua ricadente nello spazio del porto. “Sempre dalla parte dei poveri. Sono loro – ha ribadito Magorno – che hanno bisogno prima di tutto del porto. Io non tutelo nessun interesse privato. Voglio che venga realizzato. Questa è la battaglia che farò “.

Antonello Troya

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: