“Trekking” per le montagne del Pollino. La terza edizione anche a Belvedere

Dal 9 al 14 Settembre 2019, un gruppo di Trekkingltalia, sezione di Bologna, composto da cittadini provenienti da tutta Italia, da Catania a Milano, Bologna, Venezia, Firenze, Roma, Modena e Ferrara, ha dato vita alla terza edizione del Gran Trek “Riviera dei Cedri” percorrendo con entusiasmo i sentieri nascosti nelle valli del Fiume Corvino, Argentino e Lao, raggiungendo il Rifugio Belvedere a quota 1355 m., percorrendo le Contrade Sud-Est di Belvedere e raggiungendo a piedi la Grotta del Romito, importante giacimento preistorico europeo.

L’accompagnatore Arcangelo Di Marco, ideatore del Gran trek ed organizzatore, con la fattiva collaborazione dell’Associazione “Amici della Montagna” di Belvedere Marittimo e in sintonia con l’Assessorato alla cultura e dello sport di codesto comune, ha portato i partecipanti a scovare particolari ed angoli di questo territorio del Parco del Pollino sconosciuti al gran pubblico.

Come vuole lo spirito dell’Associazione, ai cammini si sono accompagnate le visite culturali: Grotta di S. Ciriaco, Murales di Diamante, Ruderi del Castello di S. Michele, cedriere, Museo e grotta del Romito di Papasidero, Borgo Antico di Belvedere col Castello Aragonese, Convento dei Padri Cappuccini e, sia pure solo in foto, visione degli affreschi staccati dai ruderi del Castello di S. Michele e per nulla valorizzati dalle istituzioni culturali.

I partecipanti hanno apprezzato l’impegno degli “Amici della Montagna” che, tramite il Presidente Mario Capano, anche quest’anno hanno dato il massimo per la riuscita del trek curando la percorribilità dei sentieri, promuovendo iniziative estemporanee che hanno coinvolto i residenti con vivo apprezzamento dei partecipanti stupefatti dalla grande generosità e disponibilità della popolazione locale abilmente coinvolta dagli amici ed.amanti della montagna, della natura e della cultura locale eredi della civiltà della Magna Grecia.

Data la coincidenza temporale non è mancata una incursione tra i padiglioni del “Festival del Peperoncino” di Diamante con la sua variopinta presenza di prodotti culinari e di folclore che hanno animato le varie serate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: