News, le brevi di oggi 15 ottobre

Squadra mobile

I carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro, con il supporto dello Squadrone eliportato Carabinieri cacciatori e dell’ottavo Nucleo elicotteri, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 17 persone, tra presunti capi e gregari della cosca Iozzo-Chiefari, federata con i radicata in particolare nei comuni di Torre di Gallace di Chiaravalle. Glin indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, omicidio, estorsione e detenzione illegale di armi. Nel corso dell’operazione è stato anche scoperto un deposito di armi dove erano custoditi alcuni mitra, tra cui due kalashnikov, pistole ed una bomba di tipo rudimentale. L’inchiesta, coordinata dalla Dda di Catanzaro diretta da Nicola Gratteri, ha anche luce sul duplice di Giuliano Cortese, di 48 anni, e della sua compagna Inna Abramovia, di 35, di nazionalità ucraina, uccisi a Chiaravalle centrale il 27 aprile 2009. Nell’inchiesta é coinvolto anche l’ex sindaco di Torre di Ruggiero  Giuseppe Pitaro, di 55 anni, cui viene contestato il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, ma per il quale il giudice ha rigettato la richiesta di arresto. 

Ha trascorso del tempo in un bar con un suo connazionale, ma visto il portafogli con all’interno mille euro lo ha colpito con un pugno e minacciato con un coltello per poi rapinarlo del denaro. Un uomo, D.M., 39 anni, romeno, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Corigliano, in esecuzione di una misura cautelare in carcere emessa dal gip di Castrovillari, per rapina aggravata. Alla vittima della rapina era stato rubato il portafogli nel corso di un incontro al bar nel settembre scorso. La vittima aveva prelevato il denaro al bancomat per spedirlo alla famiglia in Romania. In seguito alla denuncia, i carabinieri sono riusciti a ricostruire l’accaduto e ad identificare il responsabile. Emessa l’ordinanza di custodia cautelare da parte del Gip, l’uomo era risultato irreperibile. Fuggito in Romania, è stato rintracciato dai carabinieri sabato sera a Corigliano, dove nel frattempo era tornato, ed è stato arrestato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: