San Daniele, patrono e concittadino. Un affetto senza fine

E’ stata una settimana dedicata alla preghiera e alla devozione verso il Santo patrono di Belvedere Marittimo: San Daniele Fasanella, non solo patrono, ma anche concittadino. Come ogni anno la statua del Santo viene portata dal Convento dei Frati Cappuccini sino alla chiesetta della Marina di Belvedere. Per una settimana tutto il popolo belvederese, accompagnato dalle preghiere e dalle sante messe officiate dai frati cappuccini ed in particolare da frà Domenico Morello, ha potuto donare tutto il proprio affetto al virtuoso di Dio. Le funzioni religiose sono state magistralmente guidate dal Padre guardiano del Convento frà Alessandro Gatti.

Una grande emozione è stata la rievocazione storica della partenza dagli scogli Oremus di San Daniele per Ceuta. Un altro importante segno del meraviglioso lavoro fatto da padre Alessandro in questi anni per lo spirito cristiano cattolico della comunità.

Ieri sera il ritorno della sacra effige presso il Convento. A officiare la santa messa Emery Kabongo Kanundowi negli anni passati segretario particolare di Giovanni Paolo II.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: