Belvedere, quelle telecamere installate e mai entrate in funzione

Se c’è una cosa che differenzia le amministrazioni comunali è la fattibilità degli interventi realizzati per il bene pubblico. L’amministrazione Granata, pur nella sua lungimiranza e incisività stretta tra conti in rosso, alla fine del mandato aveva deciso di far installare una serie di telecamere su tutto il territorio comunale. In verità la videosorveglianza era legata all’appalto sull’autovelox. Assieme al tutor la stessa azienda vincitrice della gara avrebbe, come poi ha fatto, installato sette telecamere (poi diventate dieci) in tutta Belvedere. E così è avvenuto: le telecamere si trovano in piazza Marina, all’Acquaro, al bivio della Marina e al bivio nord della ss18, agli incroci di via della Repubblica e alla Fornace, al bivio per Sant’Agata d’Esaro e a Portosalvo e sul lungomare. Insomma un controllo quasi totale, un passo in avanti per quella tutela dell’ordine pubblico, così tanto richiesta ma poi alla fine mai realizzata. Telecamere installate si, ma mai entrate in funzione. E vorremmo sapere il perché. Perché dopo tanti soldi spesi e sette mesi di giunta Cascini, ancora le telecamere non sono entrate nel pieno dell’attività? Cari sindaco e assessore alla viabilità avete chiesto i pareri necessari per l’avvio della procedura di installazione? C’è qualcosa che i belvederesi dovrebbero sapere e che non avete ancora deciso di comunicare? Attendiamo fiduciosi una risposta.

Antonello Troya

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: