Scalea, amministrative 2020: il giornalista Gaetano Bruno scende in campo

Amministrative 2020: il giornalista Gaetano Bruno scende in campo. Brucia tutti sul tempo e propone un documento politico che sa tanto di “manifesto politico”. Racconta del suo excursus lavorativo sino ad arrivare all’adesione a ”Scalea Europea”. Brucia sul campo della corsa al seggio consiliare (e perché no anche di sindaco) un gran numero di aspiranti che ancora devono decidere da che parte stare. “Se da una parte – si legge nel documento – la politica attiva mi aveva sempre affascinato, dall’altro avevo preferito restare un “soggetto terzo” del dibattito visto il mio lavoro e questo nonostante le vicende della città di Scalea avessero scosso non poco la mia coscienza”. Bruno ha trovato in “Scalea Europea” un gruppo di persone aperte al dialogo, “un gruppo che – prosegue – grazie allo stimolo di Palmiro, da diversi anni si confronta e lavora per suggerire idee e proposte. Insomma un gruppo vero, non nato a ridosso di una tornata elettorale per poi dissolversi di fronte ad accordi, lusinghe e promesse di poltrone. Ho iniziato da subito ad essere propositivo e a stimolare l’organizzazione di incontri finalizzati prima ad allargare il gruppo e poi a costruire una lista per le elezioni del 2021, finché gli eventi hanno imposto di accelerare accorciando i tempi. In questi mesi di confronto, durante i quali abbiamo lavorato molto più sulle idee che sui nomi, siamo riusciti a costruire un percorso che ha portato ad aggregare diverse persone, molte più di quante ne servano per presentare una lista. Più che portatori di voti abbiamo cercato portatori di idee, di entusiasmo e di voglia di costruire per la collettività e non per carriere politiche personali. Così ha iniziato a prendere forma un programma. Abbiamo voluto da subito impostare una modalità diversa di fare, lontana dalle logiche che negli ultimi anni hanno portato alla costruzione di liste last-minute finalizzate soltanto alla vittoria, figlie di fusioni a freddo che non hanno fatto altro che creare bolle speculative di amministrazioni fragili i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. Per tutti questi motivi ho deciso di offrire, oltre alla mia collaborazione alla stesura del programma, anche la mia disponibilità ad una eventuale, e sottolineo eventuale, candidatura certo che è il gruppo ad essere più importante dei singoli e che insieme alle forze sane della città potremmo indicare alla città di Scalea la giusta direzione”.

Antonello Troya

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: