Newsletter del 30 dicembre

 Calano i contagi in Calabria (+163, ieri erano 212),ma ci sono da registrare otto vittime in più nelle ultime 24 ore. Il tutto nel giorno in cui il Senato ha dato il definitivo via libera al decreto Calabria. Dal Bollettino quotidiano stilato dal Dipartimento salute della Regine emerge che diminuiscono di tre unità i ricoverati in area medica (257), mentre aumentano di due le presenze nei reparti di terapia intensiva (16). In crescita abbastanza sostenuta anche i guariti: sono 321 (14.070), mentre i casi attivi risultano 8.535 e quelli chiusi 14.534. 

 Ignoti hanno dato fuoco, la notte scorsa a Riace, ad un negozio etnico che sorge a pochi passi dal “villaggio globale” realizzato dall’ex sindaco Mimmo Lucano. Il raid ha danneggiato l’attività commerciale gestita da Daniel, un ragazzo ghanese che da oltre 10 anni vive nel borgo della Locride.

Aveva allestito in casa, senza essere in di alcuna possesso autorizzazione, un vero e proprio salumificio artigianale. Un uomo di 29 anni N.V., è stato denunciato per violazioni amministrative dai carabinieri del Nas di Reggio Calabria che hanno sequestrato circa 600 chili tra salumi e carne.

Un uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per maltrattamento animali da parte dei militari della Stazione Carabinieri Forestale di Orsomarso sede di Scalea i quali sono intervenuti nei giorni scorsi a seguito di una segnalazione in località “Piano Grande” per verificare lo stato di salute di alcuni cani. Giunti sul posto, i militari hanno rinvenuto all’interno di un giardino un cane di razza Husky legato ad una corda con al seguito tre cuccioli. Il cane è apparso subito magro e mal nutrito, mentre i cuccioli particolarmente affamati vivevano tra rifiuti vari costituiti da buste di spazzatura e piatti di plastica. Verificata la segnalazione i militari hanno richiesto l’intervento del servizio veterinario dell’Asp di Praia a Mare che ha subito disposto il trasferimento degli animali presso un canile sanitario convenzionato visto che le loro condizioni erano in contrasto con la normativa sul benessere degli animali. Pertanto si è proceduto all’identificazione e alla denuncia per maltrattamento animali del proprietario dei cani e al trasferimento degli stessi al canile sanitario di Tortora per le prime cure e per l’adozione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: